Skip to content Skip to footer

Stato sociale o alti risultati

I test di vita non sono un motivo per deprezzare ciò che abbiamo raggiunto. È la capacità di valorizzare noi stessi che può aiutarci a iniziare una nuova vita.

Questa https://projectfranchise.org/principesse-del-circo-7-ruoli-di-ragazze/ vera storia, simile a un mito, ho sentito alla conferenza di uno psicologo poco dopo essere arrivato in Israele. Si trattava di emigranti ebrei dalla Germania negli anni ’30 del secolo scorso poco dopo che Hitler è salito al potere. Si sentivano pericolosi davanti agli altri e fuggirono in Palestina, dove allora non vi era stato uno stato di Israele, dove la loro vita non era ancora equipaggiata e esistevano molti problemi familiari e il tenore di vita era basso. La maggior parte dei nuovi arrivi aveva un’istruzione superiore, buone professioni. Questi erano medici, avvocati, ingegneri, scienziati, molti avevano lauree scientifiche. Ma nelle condizioni dell’allora Palestina, queste professioni erano completamente richieste e non conoscevano l’ebraico. Questo paese, che è stato creato, nel senso letterale della parola, in un luogo nudo, tra il deserto bruciato dal sole, non ne aveva bisogno. Aveva bisogno di lavoratori ordinari, contadini, costruttori. E gli intellettuali, rappresentanti della cultura tedesca e della civiltà occidentale, furono costretti a padroneggiare ciò che erano molto lontani dall’esodo del paese. Ma era necessario sopravvivere e per questo tutti i giorni fare ciò che ha portato almeno alcuni guadagni.

Old -timers, quelli che sono arrivati ​​molto prima e da paesi meno civili sono rimasti stupiti quando hanno visto intere brigate di questi raffinati intellettuali che si sono aiutati a vicenda nella costruzione di strutture primitive. E furono colpiti non solo dal contrasto tra il modo in cui apparivano e ciò che facevano, ma ancora di più – il loro appello reciproco durante il lavoro. L’uomo ha resistito, ad esempio, un mattone al suo partner con un appello invariabile: « Bitte, Herr Doctor » (« Per favore, signor Doctor »), e lo ha accettato con molto educato: « Danke, professore Herr » («  » Grazie, signor Professor ”). Quale medico, quale professore! Due sfiniti dal lavoro e dal calore, due goffi lavoratori ausiliari che difficilmente possono far fronte a un forte lavoro fisico che era caduto su di loro ..

Cos’era? È davvero testardo, non considerato una realtà, che si identifica con le sue professioni perdute, perdute, sembrava irrevocabilmente? Se lo fosse, non sarebbero sopravvissuti in tali condizioni e, in ogni caso, non avrebbero mai potuto uscire da questa fossa e andare al livello di attività e esistenza adeguati ad essi. Non potevano semplicemente perché un costante promemoria a se stessi che erano irrevocabilmente persi, sarebbe un trauma mentale ripetuto – « Ecco quello che ero, ed è quello che sono diventato ». Dopotutto, sapevano bene che non avevano più queste professioni. Un tale infortunio distrugge l’auto -consapevolezza e la salute. È difficile trovare supporto in una vita instabile se ritieni che la cosa principale in essa è crollata e ti ricordi costantemente.

NO. Si sono identificati non con la professione perduta e il benessere della vita scomparso. Si sono identificati con i loro successi passati, con ciò che una volta hanno raggiunto grazie all’intelligenza, al talento e al duro lavoro, alla loro capacità di non arrendersi alle difficoltà (ed erano nel passato), la volontà di ricominciare dopo le inevitabili sconfitte, da che nessuno è al sicuro. Queste qualità, a differenza dello status sociale raggiunto e della situazione finanziaria, non possono essere private di una persona, non importa come si forma il destino, se, ovviamente, lui stesso non si dimentica di loro e non li considera persi. Il risultato a seguito dei tuoi sforzi rimane sempre il tuo.Un tale appello in una conversazione reciproca significava che non dimenticavano, ciò che riuscivano a raggiungere, mantennero l’autostima e il rispetto per gli altri come loro – e questa era una fonte della capacità di cercare nuovi percorsi e superare.

L’emigrazione tedesca ha davvero affrontato le difficoltà dei primi anni. La maggior parte è tornata alle loro professioni o ha padroneggiato nuovi prestigiosi. Hanno aperto i loro uffici dell’avvocato e gli uffici medici, sono diventati i primi professori nelle università di nuova creazione, uomini d’affari di successo.

Dobbiamo costantemente ricordare i nostri successi passati e sapere che nessuno può privarci di noi e la capacità di raggiungerli – nessuno se non noi stessi che si sono dimenticati di loro ..

Leave a comment

0.0/5